Leggi le recensioni al libro: AA.VV. TeatroNatura. Il teatro nel paesaggio di Sista Bramini e il progetto “Mila di Codra”, a cura di Maia Giacobbe Borelli prefazione di Dacia MarainiEditoria&Spettacolo, Roma 2015 

Thiasos presenta il libro a Palermo, 26 maggio 2016 
“TeatroNatura. Vedere e ascoltare nel teatro di Sista Bramini”, Sergio Lo Gatto, 6 gennaio 2016, TeatroeCritica,  
Scheda libro- Editoria & Spettacolo 
Recensione di Giovanni Azzaroni, Antropologia e Teatro, Rivista di Studi dell’Università di Bologna,  N° 6 (2015)

Leggi l’articolo

“Notti incantate nel verde con il festival sotto le stelle” al Parco Nord (Milano), di Simona Spaventa, La Repubblica, 13 settembre 2014

Leggi l’articolo
“Tempeste: il teatro natura di Sista Bramini nella splendida cornice delle Pagliare di Tione” di  Alessia de Iure 
NEWSTOWN, 12 agosto 2014 

Leggi l’articolo
“La lettera di Dacia Maraini”
Il Centro, 
31 agosto 2013

Leggi l’articolo
“D’Annunzio ‘riletto’ a Frattura”
di Paolo De Nardis
La Foce (Cultura)

Leggi l’articolo
“ Sista Bramini incanta il pubblico di VeliaTeatro: i miti dell’antica Roma rivivono in “Numa – ovvero Roma non fu fatta in un giorno”
Giornale del Cilento, 19 agosto 2013 

Leggi l’articolo
“L’intervista al protagonista” Velia Teatro 2013 
18 agosto 2013 

Leggi l’articolo
Numa, di e con Sista Bramini. Compagnia O Thiasos-TeatroNatura” 
Casertanews.it, 18 agosto 2013 

Leggi l’articolo
“ Il teatro, la vita, il dono…”
Il Centro, 6 agosto 2013 

Leggi l’articolo
“Parte il Festival del Teatro di Gioia, spettacoli itineranti nel parco d’Abruzzo”
Il Centro- Abruzzo, 5 agosto 2013

Leggi l’articolo
“Teatro: Parco Abruzzo presenta Mila di Codra, di O Thiasos”
ASI Press, 5 agosto 2013 

 Leggi l’artcolo
“Attraverso: tra i calanchi workshop e spettacoli d’autore”
di Federico Mascagni

L’unità-Emilia Romagna, 2 giugno 2013

Leggi l’articolo
“Attraverso”: da un casolare nel bolognese un festival per riscoprire il mistero della natura”
di Federico Mascagni
mercoledì 27 giugno 2012
www.agoravox.it/Da-un-casolare-nel-Bolognese-un.html

Leggi l’articolo
 Quel che resta del corpo. A Roma una serata dedicata ad Antonin Artaud, e al rituale del Quad di Samuel Beckett. Con una performance a più voci di O Thiasos TeatroNatura
 di Michele Pascarella

 Artribune, 1 maggio 2013

Leggi l’articolo
 
Radici, tempo, mito
 di Michele Pascarella
 Artribune, 17 gennaio 2013 

Leggi l’articolo
  
Un Teatro nel paesaggio, un paesaggio nel teatro
 a cura di Tihana Maravić
 Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, La Soffitta 2013 

Leggi l’articolo
 Natura come luogo di cerimonia dell’umano
 Culture teatrali gennaio 2013. Rivista on line di studi, interventi e scritture sullo spettacolo

Leggi l’articolo
 Il camminante”, spettacolo itinerante nella natura
 Valentina Sarmenghi 
 Corriere di Novara 21 agosto 2012

Leggi l’articolo
 Il racconto corale di Arte Sella
 Corriere del Trentino 27 luglio 2012  

Leggi l’articolo
 Arte Sella, classica e natura nella Fucina delle emozioni
 Due concerti speciali con Brunello, i cantanti lirici e la Bramini diOThiasos

 Una narrazione sulla figura di Niobe e lo Stabat Mater mimimalista di Part
 Trentino 28 luglio 2012 

Leggi il Comunicato Stampa
 Fucina Artesella
 luglio 2012

 www.artesella.it

Leggi l’articolo
 Natura Creativa
 di Manuela Pellanda

 L’Adige, 21 luglio 2012 

Leggi l’articolo
 Miti d’acqua al Festival Odissea
 Crema on line 20 luglio 2012

Leggi l’articolo
 Venti anni di O Thiasos TeatroNatura
 Il Teatro della Memoria, 30 giugno 2012

Leggi l’articolo
 Baba Jaga.Mito,
V
erità e Natura
Appunti Reisidui, scampoli di articoli, 26 giugno 2012 

Leggi l’articolo
 El teatro y la neurosciencias
 Artez, Revista de las artes escénica, Bilbao, aprile 2012

 www.artezblai.com 

 Leggi tutto l’articolo
  L’ultimo quadro di O Thiasos TeatroNatura
 di Eugenio Murrali
 Festival di teatro, natura, musica e memoria
 Terre Marsicana, 9 agosto 2011

“Gioia dei Marsi. Tra Gioia dei Marsi e Gioia Vecchio c’è una strada bianca tutta ciottolosa, sembra che non porti da nessuna parte e sia invece il sentiero fatato di una qualche favola della nostra infanzia, poi in lontananza compare una torre diroccata e alcune case di roccia che quasi si confondono con la montagna: è Sperone, un paesino che ricorda le rovine dei grandi quadri romantici, in cui la traccia dell’uomo è sovrastata dal sublime della natura. Le auto faticano un po’, ma i più coraggiosi possono arrivare fino al luogo dell’appuntamento indicato da Sista Bramini, la regista dello spettacolo Danzò Danzò, direttrice della compagnia O Thiasos TeatroNatura. Il pubblico è numerosissimo e raccoglie ogni fascia di età, ci sono molti bambini pieni di curiosità, giovani, anziani attrezzati con sedie e bastoni da escursioni, c’è persino Bionda, la fedele cagnolina di Dacia Maraini.
L’azione di Danzò Danzò ha per spazio scenico la natura stessa, le sue luci, i suoi suoni, l’inizio della “platea” è delineato da bastoni, da sassi, oppure da nulla. Le sei giovani attrici (Camilla Dell’Agnola, Silvia Giorgi, Sonia Montanaro, Veronica Pavani, Carla Taglietti, Valentina Turrini) si immergono completamente nella verità dei loro personaggi e nel contesto ambientale. La recitazione è tradizionale, forse la più antica (non a caso si chiamano O Thiasos, termine greco che significa anche compagnia teatrale), fondata principalmente sull’attore, sulla forza della sua vocalità, sulla sua capacità di rendersi parte della situazione scenica, di trasformare la convenzione in verità, di dialogare con il pubblico come un servus della commedia antica, con i suoi a parte, ma questo modus si innova e assume nuove caratteristiche dentro i sipari naturali scelti da Sista Bramini, che studia tutto nel minimo dettaglio, per poter cedere con serenità poi la regìa alla natura, alle diverse gradazioni della luce solare, alle escursioni della temperatura, alle abitudini del vento. Così la favola Le scarpette rosse di Andersen, riacquista in questa rivisitazione, la sua magia originaria, perché magica è l’atmosfera, magiche sono le vocalizzazioni, i canti, l’espressività delle attrici e neppure per un attimo qualcuno potrebbe dubitare che quel cerchio di plastica sia altro dalla carrozza della vecchia signora che accoglie in casa la selvaggia Scarpette rosse e prova a farne una bambina della rigida e bigotta società civile. Le attrici stesse, sempre in equilibrio tra la maschera e il personaggio, conducono il pubblico nelle quattro differenti postazioni che costituiscono le scene e gli oggetti scenici, per cui una pianta può diventare il crocifisso della chiesa, un centinaio di metri più in là, con due bastoni legati e qualche pietra ci si ritrova nel cimitero, su un dirupo da cui si ammira, insieme al sole occidente, l’antico letto del Fucino. È un po’ stremato il pubblico quando arriva l’immagine finale, queste donne arrampicate sulla roccia che, dandogli le spalle, si rivolgono all’orizzonte e assumono un aspetto quasi mistico e divino, stanco ma rincuorato da questo quadro potente e dall’insolita maniera di vivere un Teatro che ha valore al di là della sua originalità…”

Rose Rosse in scena a Roma
dal Blog di Paola Abenavoli
19 febbraio 2011

Già in scena presso teatri prestigiosi quali il “Cilea” di Reggio Calabria, il Teatro dell’Acquario di Cosenza, il Teatro del Canovaccio di Catania e il Teatro Sancarluccio di Napoli, lo spettacolo “Rose Rosse”, prodotto da O Thiasos Teatro Natura Roma, Centro studi Quasimodo, in collaborazione con Compagnia Scena Nuda, torna nella Capitale, dal 24 al 27 febbraio 2011, ospitato nuovamente dal Teatro Furio Camillo di Roma.

Lo spettacolo torna in scena, dunque, dopo la tournée estiva, svoltasi in alcuni siti di particolare interesse e suggestione del territorio calabrese, e la sperimentazione con due allestimenti scenici presso delle comunità di recupero per tossicodipendenti con l’obiettivo di “coinvolgere queste strutture ed integrarle nel tessuto cittadino”, “mettendo in risalto la possibilità e l’importanza di aprire questi luoghi al territorio anche come punto di promozione culturale”.

Uno spettacolo, “Rose Rosse”, che rappresenta un percorso a ritroso “nell’esistenza travagliata di un giovane cresciuto nella Napoli  tra gli anni ’70 e gli anni ’90; una storia vera ed emozionante che, con continui sobbalzi dell’anima, ci conduce attraverso gli abissi della tossicodipendenza fino alla rinascita fisica e interiore”.

Enzo de’ Liguoro è il protagonista della rappresentazione (la regia è di Sista Bramini): un testo che, per le sue finalità sociali, ha ricevuto l’alto patrocinio del Ministero della Salute del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Abbiamo tremato. Con la terra
Con te Gemona. Informazione, cultura, politica a Gemona del Friuli

18 settembre 2010

Il rischio c’è sempre anche se non si può prevedere quando accadrà. Oggi, sabato 18 settembre, nell’ambito del terzo ciclo di corsi della Scuola estiva di perfezionamento in Gestione del rischio sismico «SERM», organizzato dall’Università di Udine aVenzone [], la Comunità Montana di Gemona ospiterà nella sua sede in via caneva, 25, alle ore 21 lo spettacolo del gruppo teatrale O’Thiasos [] dal titolo «Ho tremato con la terra. Un perpetuo circuito di produzione e distribuzione».
La parte artistico recitativa, curata dalle attrici e musiciste Sista Bramini, Francesca Ferri, Camilla dell’Agnola e Valentina Turrini e dalla fotografa Alice Benessia, si combinerà con una parte espositiva, a cura di Bruna De Marchi (già responsabile del Programma Emergenze di Massa dell’Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia insieme a Silvio Funtowicz, funzionario del Centro Comune di Ricerca JRC della Commissione Europea).
L’intento dello spettacolo sarà di suscitare la riflessione e la partecipazione del pubblico sui temi del rischio, dell’incertezza, dell’identità e della memoria; sollecitandolo con vari e diversi linguaggi, della scienza, alla poesia, passando per la fotografia e il canto. Attraverso il mito, il racconto, l’immagine, il dialogo, saranno evocati temi e situazioni in cui sgomento e paura si mescolano alla speranza, all’ impegno civile e alla solidarietà. Lo spettacolo durerà circa un’ora, seguirà un dialogo di riflessione con il pubblico.