Come il vento

Buon 2013 a tutte le amiche e gli amici di O Thiasos!

I nostri progetti sono sempre frutto di incontri con persone e con luoghi, occasioni preparate da tempo, risultati di reti collegate ad altre reti. Il confronto con gli spettatori che abbiamo incontrato e gli artisti con cui abbiamo collaborato, anno dopo anno, ci ha aiutato ad affinare un teatro che osa farsi strumento per entrare in un ambiente vivo e, assumendosene le conseguenze, reinventare se stesso.

Esiste un ritmo del paesaggio attraversato che il nostro lavoro intreccia al ritmo dei nostri spettacoli, esistono pause silenziose in cui gli spettatori, camminando, ascoltano la vita che li circonda, mentre in loro trova  risonanza ciò a cui  hanno appena assistito. Lavorare nella natura ci porta a uscire da schemi e confini culturali, come il vento che va dappertutto a impollinare luoghi diversi, ma simili nella capacità di accogliere un seme e farlo germogliare. Il seme di un mondo nuovo.

Sista Bramini
Lorella Cacciamano
Camilla Dell’Agnola
Veronica Pavani
Maria Pesaro
Carla Taglitti
Valentina Turrini
Marina Valenti

5 risposte a Come il vento

  1. giorgio scrive:

    Brave ! Solleva il velo di Maya, lascia intravedere la rete di Indra dove tutto è connesso, dove acqua, terra, suono, corpo per un attimo sono un tutt’uno.

  2. Lida Branchesi scrive:

    Grazie per gli auguri, che ricambio di tutto cuore. Complimenti e saluti carissimi … con la speranza che i semi si moltiplichino e germoglino… buon Anno e buon lavoro a O Thiasos e .. a tutti noi! Lida Branchesi

  3. antonio dal tio scrive:

    ed il vento è anche gran narratore, testimone mai mutevole nello scopo. Per verificare abbiamo scelto il giorno 01 gennaio 2013 in Sperone, siamo stati lì ad ascoltarlo. Dalla semina abbiamo la continuità della Vita come affermazione della persona; meraviglia di un ‘lavoro’. Grazie. Un bel saluto Antonio Dal Tio

  4. costanza meneghetti scrive:

    …..proprio qs notte mi sono svegliata ed ho cominciato a pensare. Sempre più forte desiderio di scrivere un “libro” (ma non so come)ed il tema o titolo o qc che si avvicina era :”l’armonia del paesaggio”, poi rigirato in “del paesaggio l’armonia”…insomma voglia di tradurre il mio lavoro in qc vicino anche ad un impegno. Il vento, il pensiero, il battito del cuore. Silenzio, uscire da schemi e confini culturali. la profondità delle radici. Grazie per il vostro lavoro ed impegno. Grazie per quanto riuscite a trasmettere durante i vostri laboratori e spettacoli. L’intesa è immediata. ciao costanza

  5. Grazia scrive:

    Tanti auguri anche a voi! Sono stata un po’ assente, ma vi ho seguito col pensiero, ripensando alle mie esperienze con voi. A presto. Un abbraccio a tutte. Grazia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>